Ultima modifica: 14 Gennaio 2019

Tecnico di manutenzione e assistenza tecnica

 

manutenzione-corso tecnica 

scarica la brochure manutenzione e assistenza tecnica


PROFILO: TECNICO DI MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA  

CON QUALIFICA PROFESSIONALE STATALE ALLA FINE DEL TERZO ANNO.

 

Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”

  • possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici, anche marittimi.
  • le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

È in grado di:

    • Controllare e ripristinare, durante il ciclo di vita degli apparati e degli impianti, la conformità del loro funzionamento alle specifiche tecniche, alle normative sulla sicurezza degli utenti e sulla salvaguardia dell’ambiente.
    • Osservare i principi di ergonomia, igiene e sicurezza che presiedono alla realizzazione degli interventi.
    • Organizzare e intervenire nelle attività per lo smaltimento di scorie e sostanze residue, relative al funzionamento delle macchine, e per la dismissione dei dispositivi.
    • Utilizzare le competenze multidisciplinari di ambito tecnologico, economico e organizzativo presenti nei processi lavorativi e nei servizi che lo coinvolgono.
    • Gestire funzionalmente le scorte di magazzino e i procedimenti per l’approvvigionamento.
    • Reperire e interpretare documentazione tecnica.
    • Assistere gli utenti e fornire le informazioni utili al corretto uso e funzionamento dei dispositivi.
    • Agire nel suo campo di intervento nel rispetto delle specifiche normative ed assumersi autonome responsabilità.
    • Segnalare le disfunzioni non direttamente correlate alle sue competenze tecniche.
    • Operare nella gestione dei sevizi, anche valutando i costi e l’economicità degli interventi.

Quadro orario

(*)  tra parentesi segnalate ore di compresenza con il docente di laboratorio della classe di c. specificata